Yemen

In Yemen è in corso la più grave crisi umanitaria mondiale. Il conflitto iniziato nel 2015, combinato con una serie di catastrofi naturali ed emergenze sanitarie, ha portato il paese al totale collasso.

Le ragioni dell’intervento

Abbiamo deciso di intervenire in Yemen nel 2019. L’instabilità politica, che ha portato allo scoppio della guerra civile iniziata nel 2015 e non ancora conclusa, ha creato una situazione drammatica nel paese: 24 milioni di persone, su una popolazione di 28,5 milioni, hanno bisogno di assistenza umanitaria (dati Unicef).

In questa enorme crisi le bambine e i bambini sono i soggetti più colpiti. Secondo l’Unicef, oltre 12 milioni necessitano di assistenza con un numero altissimo di bambini uccisi e mutilati nel conflitto (anche arruolati come bambini soldato), vittime di malnutrizione o della generale insicurezza.

La crisi umanitaria in Yemen è aggravata da una serie di terribili catastrofi naturali (da ultima l’invasione delle locuste che ha distrutto i raccolti) e da emergenze sanitarie che hanno portato il paese al totale collasso. La diffusione del COVID-19 ha provocato un’emergenza all’interno dell’emergenza. Molte strutture sanitarie non funzionano o sono prive delle attrezzature di base, i servizi igienici e l’acqua pulita scarseggiano.

Nonostante l’instabilità crei enormi difficoltà per l’intervento delle organizzazioni umanitarie, grazie alla collaborazione con organizzazioni locali come Yemen Peace School e con le istituzioni promuoviamo interventi di emergenza per aiutare i tanti bambini e bambine vittime della crisi yemenita. Il nostro obiettivo principale è aprire un centro di accoglienze a Sana’a, la capitale dello Yemen, per bambine e bambini orfani o che vivono in strada.

I bisogni della popolazione yemenita sono molti. È però difficile riuscire a valutare quali sono quelli che richiedono un più immediato intervento a causa del crollo delle istituzioni politiche e sociali. Per questo, attraverso un partenariato con ESA (l’Agenzia Spaziale Europea) e la collaborazione con SISTEMA, abbiamo messo a punto un metodo di analisi satellitare che ci aiuti a valutare le necessità della popolazione delle aree urbane e suburbane del paese.

Il monitoraggio via satellite sarà orientato a: verificare lo stato delle infrastrutture pubbliche, con scuole e ospedali in testa; osservare gli spostamenti della popolazione sfollata e la creazione dei nuovi insediamenti per fornire un supporto con beni di prima necessità e strutture igienico-sanitarie; mappare gli sciami di cavallette che stanno distruggendo le scarse colture del paese e devastando i raccolti di tutta l’Africa.

In un paese in una condizione umanitaria drammatica come lo Yemen, è importante proteggere e investire su bambine e bambini. Loro sono le vittime di questa situazione ed è soltanto lavorando per garantire la loro educazione e i loro diritti che potremo garantire un futuro migliore all’intero paese.

Last edit:

Progetti attivi

Referente dell'area

Valeria Fabbroni
Valeria Fabbroni
Ufficio Progetti

Dati sullo Yemen

28,5 milioni

di abitanti

14%

popolazione sotto i 5 anni

20,2 anni

età media della popolazione

1.433 $

reddito medio pro capite annuo

18,3%

popolazione sotto la soglia di povertà

55,4 / 1000

mortalità infantile sotto i 5 anni

46,4%

tasso di malnutrizione infantile (< 5 anni)

8,7

anni di scolarizzazione attesi

28%

popolazione con titolo di istruzione secondaria (> 25 anni )

30,5%

tasso di abbandono scolastico

44,8%

giovani tra i 15 e 24 anni che non studiano e non lavorano

32%

donne tra i 20 e 24 anni che si sono sposate prima dei 18 anni

Source: Human Development Report 2019, United Nations Development Programme (UNDP)

Photo courtesy Nooh Mohammed